E con questo? La sfida del successo

E con questo? Quante volte anche noi ci siamo ritrovati a porci questa domanda, dopo aver finalmente ottenuto ciò per cui ci siamo impegnati duramente. Ma in fondo noi cosa cerchiamo dentro al successo? Abbiamo incontrato persone che si sono lasciate sfidare da questo interrogativo e la mostra nasce per condividere con tutti le scoperte di questi mesi. Quand’è che possiamo dire di essere davvero felici?

Legami: Io è un altro

Più una persona ha legami e più è ricca, e più è una personalità forte, altro che non dipendere da nessuno: è esattamente il contrario. La libertà è la coscienza che hai dei legami che ti costituiscono e la forza con cui li vivi. E’ perché apparteniamo che siamo forti: se uno non è di nessuno non esiste. Sono queste le provocazioni che ci siamo lanciati costruendo la mostra Legami che si propone di guardare alle domande che più ci provocano sui rapporti. Tutto questo stando davanti alla vita di artisti e poeti che come noi hanno guardato a loro.




I ragazzi di piazza Majakovskij

La mostra ripercorre la storia dei “ragazzi di Piazza Majakovskij”, un gruppo di giovani poeti e artisti russi che nel pieno del regime sovietico decidono di rompere il muro del silenzio imposto dall’ideologia per ricercare e affermare la bellezza e la verità. Siamo nell’estate del ’58, quando in una piazza di Mosca fu inaugurato un monumento dedicato al poeta Majakovskij, grande cantore della rivoluzione sovietica, morto suicida nel 1930 ed esaltato dal regime quale mito dell’ideologia sovietica. Da questo momento inizia un fenomeno che coinvolgerà molti giovani russi, poeti, artisti e cantanti, che daranno vita a quel movimento del dissenso contro il silenzio e il conformismo imposti dal monopolio dell’ideologia sovietica.